La vodka brucia il grasso corporeo


Le bevande alcoliche fanno ingrassare? Essendo un sedativo produce solo una diminuzione del senso di affaticamento e di dolore.

la vodka brucia il grasso corporeo

Ma cosa sono le bevande alcoliche? Si definiscono bevande alcoliche quelle bevande contenenti alcol etilico o etanolo.

la vodka brucia il grasso corporeo

Le bevande alcoliche sono costituite per la maggior parte da acqua, e per il restante parte da alcol etilico, una piccola quota è rappresentata da altre sostanze, sia presenti che aggiunte, come composti aromatici, coloranti, antiossidanti, vitamine, solfiti ecc. Quante calorie apportano le bevande alcoliche? Un bicchiere di vino 12 gradi da ml apporta 84 kcal, un bicchiere di birra 4,5 gradi da ml apporta kcal, un superalcolico 20 gradi apporta kcal. Ogni grammo di alcol fornisce 7 kcal, una quantità quasi doppia rispetto a quella fornita da 1 grammo di carboidrato o proteina 4 kcale quasi uguale a quella contenuta in 1 grammo di grassi 9 kcal.

la vodka brucia il grasso corporeo

Il vino sembra esercitare un ruolo protettivo maggiore di quello della birra, che a sua volta avrebbe un effetto protettivo maggiore rispetto a quello degli altri alcolici. Queste proprietà sono state messe in relazione alle sostanze polifenoliche e antiossidanti, presenti soprattutto nel vino e in misura minore nella birra.

la vodka brucia il grasso corporeo

Inoltre, per lo stesso motivo, si la vodka brucia il grasso corporeo che il vino rosso sia meglio di quello bianco. Tali sostanze sono assenti nei superalcolici. Un consumo moderato di alcol vale a dire non più di U.

Tale quantità deve essere intesa come limite massimo oltre il quale gli effetti negativi cominciano a prevalere su quelli positivi.

la vodka brucia il grasso corporeo

Una U. Numerose ricerche affermano che un uso regolare e moderato di bevande a bassa gradazione alcolica come vino e birra tendono a far vivere più a lungo e a presentare una minore incidenza di alcune malattie croniche rispetto a chi non beve e a chi ne fa un uso spropositato.