Perdita di peso della foca marina. Avvistata e filmata la Foca Monaca: torna dopo 50 anni | Il Gallo


perdita di peso della foca marina

La struttura dei Pinnipedi[ modifica modifica wikitesto ] Anatomia comparata di un otaride e di un focide. I Pinnipedi hanno corpo affusolato con testa tondeggiante che si assottiglia gradatamente nel tronco senza evidenziare un brusco restringimento in corrispondenza del collo. Le sporgenze esterne sono ridotte al minimo.

L' orecchio esterno è rappresentato da un modesto padiglione allungato soltanto nelle otarie donde il nome del gruppo, dal greco otarion, piccolo orecchiomentre nelle foche e nei trichechi è scomparso. Nelle ultime due famiglie anche i testicoli sono nascosti allo sguardo e in tutti i Pinnipedi il pene è avvolto in una guaina interna che evita il formarsi di una protuberanza.

Clima e Petrografia Tipo Il clima è mediterraneo, con inverni piovosi ed estati secche. Petrografia Caratteristiche principali della configurazione geomorfologica della regione sono la marna, le rocce a dirupo sul mare e le grotte, che rappresentano l'habitat principale della Foca monaca mediterranea. Si incontrano vari tipi di suolo. Flora e Fauna L'isolamento geografico della regione, la sua morfologia, il basso livello di penetrazione umana e le perfette condizioni dell'ambiente naturale, fanno del territorio e delle zone marine del Parco il rifugio ideale per molte specie a rischio di estinzione, appartenenti alla fauna e alla flora terrestre e marina.

Le ghiandole sessuali maschili dei Focidi, prive di scrotosono protette dallo sterilizzante calore corporeo grazie al flusso di sangue freddo assicurato da un reticolo di capillari sanguigni nelle natatoie posteriori. Analogamente, i capezzoli dei Pinnipedi due nelle foche, a eccezione della foca barbata e delle foche monacheche ne possiedono quattro come le otarie sono rientrati e rasenti alla superficie del corpo. Le mammelle costituiscono una lamina di tessuto che si estende sul ventre e sui fianchi e, anche quando secernono attivamente lattenon danno luogo a rilievi visibili.

Le linee generali di contorno sono ingentilite dallo strato di pannicolo adiposo o lardo sottocutaneo, anche se come vedremo in seguito la sua funzione non si esaurisce certo nell'idrodinamicità. Per ovvi motivi le natatoie sporgono dal corpo, ma pur sempre in misura minore di quanto si verifichi per gli arti della maggior parte dei Mammiferi. Le ossa degli arti sono relativamente corte e contenute entro il corpo, trovandosi l' ascella che corrisponde alla spalla dell' uomo e l'inforcatura rispettivamente a livello del polso avambraccio nelle otarie e dell' anca.

Quasi tutte le ossa della mano e del piede sono comunque decisamente allungate.

You need to have JavaScript enabled in order to access this site.

Le dita sono congiunte da una membrana di tessuto connettivo e definiscono una superficie palmata che esercita la spinta natatoria propulsiva. La meccanica della locomozione è diversa nelle otarie e nelle foche, con i trichechi in posizione intermedia. Gli arti anteriori formano ampie pale con dita allungate, soprattutto per quanto riguarda il pollice.

Le pinne posteriori sembrano non avere parte nel nuoto veloce ove si eccettui una funzione timonierama in spazi ristretti o nel corso di manovre lente possono fungere da pagaie espandendo le membrane.

Le foche, invece, sfruttano per il nuoto quasi esclusivamente gli arti posteriori. Il moto avviene tramite colpi alternati della natatoia, con le dita allargate durante la fase di spinta, in modo da applicare all'acqua la massima superficie, e contratte nella corsa di ritorno. I movimenti delle pinne sono accompagnati e agevolati da oscillazioni laterali del tronco e della regione codale.

Menu di navigazione

Gli arti anteriori in condizioni normali sono tenuti aderenti ai fianchi, alloggiati in appositi incavi, ma possono entrare in azione a mo' di pagaie per effettuare piccoli aggiustamenti durante il nuoto lento. Il tricheco, nuotatore greve e impacciato, utilizza come organo di propulsione soprattutto le natatoie posteriori.

Le pinne ricordano da vicino quelle delle otarie, anche se le anteriori sono più corte e tozze.

perdita di peso della foca marina

La toelettatura, importante funzione sussidiaria degli arti, in generale è affidata alle pinne perdita di peso della foca marina nelle otarie e a quelle anteriori nelle foche. Le differenti tecniche natatorie delle otarie e delle foche si riflettono nelle rispettive anatomie.

Le prime traggono la forza motrice soprattutto dal treno anteriore, ed è qui che si concentra la massa muscolare. Le seconde invece evidenziano i muscoli più poderosi nella regione lombare. Quanto alla muscolatura vera e propria della pinna posteriore, la sua azione è alquanto limitata sul piano della propulsione e si estrinseca invece nell'orientamento dell'arto e nell'espansione e contrazione delle dita.

A terra le otarie sono molto più agili degli altri gruppi e si muovono sostenendo il peso del corpo sulle natatoie anteriori ruotate verso l'esterno e flettendo in vanti sotto il corpo le natatoie posteriori. Quando l'animale ha l'opportunità di procedere senza fretta, muove in cadenza alternata una pinna anteriore avanzando al contempo l'arto posteriore sul lato opposto.

Ritorno importante

Sul suolo poggia soltanto il calcagno, mentre le dita rimangono sollevate. Aumentando la velocità, si passa al galoppo, con avanzamento appaiato dapprima degli arti posteriori e poi di quelli anteriori.

  • Оно оказалось грубоватым, но подошло.
  • Ecosystem of Alonissos | Official website of the Municipality of Alonissos

In questa forma di locomozione assume un'importanza primaria la funzione di contrappeso del collo, poiché il peso va a gravare sul treno anteriore. Si è calcolato che se il collo avesse una lunghezza dimezzata le otarie sarebbero incapaci di progredire sul suolo. Non diversa, anche se molto più goffa, è l'andatura rialimentazione perdita di peso trichechi.

Talune, per esempio gli elefanti di mare o la foca grigiafanno leva sulle natatoie anteriori. Spostandosi di roccia in roccia, le foche grigie sfruttano anche la possente brevi poesie per dimagrire delle dita terminali degli arti anteriori.

Altre specie, come la foca di Weddelllasciano invece inoperose le pinne anteriori. Uno degli espedienti più ovvi consiste nel ridurre l'area superficiale. L'idrodinamicità del corpo della foca, con la riduzione delle appendici sporgenti, costituisce già una buona base di partenza.

Ogni grammo di grassi apporta infatti 9 calorie contro i 4 forniti dai glucidi. Anche assumendo integratori brucia grassi non possibile forzare pi di tanto tutti questi meccanismi biologici. In altri termini non esistono sostanze che possono accelerare significativamente il consumo di grassi. Come Agiscono.

I Pinnipedi possono trattenere sott'acqua il respiro per quasi due ore. Un altro importante accorgimento sta nel trarre vantaggio dal rapporto tra superficie-volume: dati due oggetti della stessa forma, quello più grande ha un'area superficiale relativamente minore.

Flora e Fauna

Le foche si sono avvalse di questa strategia per rendere meno pesante yuling dimagrante perdita di calore: infatti non esistono Pinnipedi di piccola taglia, come succede invece tra i Roditorigli Insettivori o i Carnivori. Un altro sistema per regolare il flusso termico è l'isolamento della superficie esistente.

Lo strato di aria intrappolato nella pelliccia tipica dei Mammiferi rappresenta un coibente efficace in ambiente atmosferico, ma lo è molto meno nel mezzo liquido, giacché tende a disperdersi via via che i peli si bagnano. Ad ogni modo, la lamina d'acqua più o meno stazionaria che riveste la superficie del corpo ha un effetto non trascurabile.

  • Люди перемещались по разным мирам, как хотели - а сейчас их потомки боятся высунуться за пределы своего города.
  • Klang di bruciatore di grasso api - HFHVY: Verificato da me personalmente: Risultato al %

Interessante a questo proposito è il metodo di coibentazione escogitato dalle otarie orsine. Il manto di tutti i Pinnipedi è formato da un gran numero di unità, ciascuna composta di un perdita di peso della foca marina di peli e di un paio di ghiandole sebacee associate.

Поэтому, прежде чем мы начнем беседу, я хотела бы предупредить вас кое о. Видите ли, я в состоянии читать Она улыбнулась мгновенной вспышке недоумения, окрашенного неприязнью, и быстро добавила: -- Но вас это вовсе не должно тревожить.

In ogni ciuffo si distinguono un pelo di protezione, lungo e robusto, a radice profonda, e un certo numero di fibre più fini e più corte. Nelle foche e nei leoni di mare queste fibre sono pochema nelle otarie orsine danno origine a una folta lanugine. La pelliccia è un ottimo coibente, ma ha lo svantaggio che in caso di immersione lo strato d'aria che imprigiona viene compresso di metà dello spessore ogni 10 m di profondità, riducendo in proporzione la sua efficacia.

Proprio per questo motivo, le foche hanno sviluppato un altro marchingegno termico, vale a dire uno spesso strato sottocutaneo di tessuto adiposoo lardo, che peraltro fornisce anche energia durante i periodi di digiuno e di allattamento.

Il grasso è un cattivo conduttore del calore e il pannicolo adiposo offre un rendimento all'incirca pari al 50 per cento di un uguale spessore di pelame in aria. In acqua poi l'isolamento si riduce più o meno a un quarto del suo valore in aria, ma col vantaggio di una sostanziale indifferenza alla profondità di immersione. Le foche hanno un pannicolo adiposo più consistente delle otarie.

perdita di peso della foca marina

In ambiente freddo la cessione di calore dalle natatoie, prive di copertura isolante, viene minimizzata riducendo l'afflusso di sangue, naturalmente in misura compatibile con l'esigenza di evitare il congelamento. Sotto l'intreccio dei capillari si stendono speciali derivazioni tra le arteriole e perdita di peso della foca marina venule conosciute come anastomosi arterovenoseo AVA.

Aprendo le AVA, gli strati superficiali possono essere irrorati da una maggior quantità di sangue e quindi indotti a rilasciare all'esterno un flusso più abbondante di calore.

I Pinnipedi rappresentano in effetti un elemento caratteristico del paesaggio delle regioni polarisia boreali sia australi.